emilia romagna / Gli stappati®

Cantina Fantesini

20/09/2011

Tag:

Nel mio peregrinare mi sono imbattuto in questa azienda quasi per caso.
Ci troviamo a Bibbiano in provincia di Reggio Emilia dove il tempo si scioglie lentamente nelle campagne circostanti e la gente è molto legata al proprio territorio e alle tradizioni. Forse l’unico Comune… ad avere un assessore al “Parmigiano Reggiano”, prodotto principe del Comune di Bibbiano che si distingue dalle altre produzioni per le particolari caratteristiche organolettiche.
Ho avuto modo di conoscere produttori di Parmigiano di grande professionalità che si rivolgono alle proprie produzioni con grande rispetto e passione.
È stato in questo frangente, mentre si cercava di selezionare parmigiano, che mi sono imbattuto nella Cantina Fantesini, l’unica azienda presente nel Comune delle tante che c’erano costrette a chiudere per svariati motivi.
Essendo l’unica ad essere rimasta e che lavora bene, il mio suggerimento è quello di non farvela sfuggire quando siete da quelle parti.
Per capire questi vini dovete immergervi nella cultura di questi territori. Non andate là con pregiudizi “guidaioli” o con la testa piena di altri assaggi perché troverete sensazioni diverse dai lambrusco di solito in commercio. Spogliatevi di ogni pregiudizio e fatevi coccolare dal paesaggio, dai profumi di quelle campagne, dai sapori forti e di quella vita contadina che tanto manca oggi e che all’anima sollievo porta.

Un ringraziamento doveroso all’assessore Umberto Beltrami che mi ha fatto conoscere una parte del sua grande passione… Bibbiano e la sua gente.

Di seguito la degustazione dei vini della Cantina Fantesini.

IGT Lambrusco dell’Emilia Frizzante secco “La Gradisca” 2009

Al naso si esprime in un delicato sentore di gelsi. Poi, con discrezione, mette in evidenza sottili profumazioni floreali di rose e iris assieme a tonalità fruttate di more, ciliegia e amarena. Appena pepato con sfumature di spezie.
C’è serietà al palato in questo Lambrusco che non entra irruente e piacione. Entra serio, sicuro e mostra immediatamente struttura e doti aromatiche.
La carbonica è sottile, ben intessuta nel vino. Vibra di piacevole acidità.
Ottimo l’equilibrio. Per piatti di carne importanti.
Originale Lambrusco equilibrato con una costante aromatica di gelsi delicatissima al naso come in bocca. Il palato è sicuro, sodo, dalla piacevole trama tannica.
Ottimo.

IGT Lambrusco dell’Emilia Frizzante secco “Rosso del Fante” 2010
Al naso è più giocoso rispetto a “La Gradisca”.
“Il Fante” ha un lato allegro, adolescenziale e conserva un nota rustica piacevole. Ricco di frutto con un finale che tende ad essere un po’ dispersivo. Si nota un accento pepato piacevole.
Al palato conferma il suo carattere adolescenziale contenuto da un frutto intenso e succoso. Sempre una nota rustica dalle sfumature erbacee.
Ritmo acido e carbonica incisiva per una sensazione graffiante e gradevole. Buono

VSP Brut “Perlida” 2010
Un vino originale ottenuto da uve Spergola.
Di primo impatto al naso le sensazioni conservano rusticità e un carattere “contadino” legato alla terra molto piacevole. intensità, persistenza e grinta espressiva. Tonalità erbacee e odori di frutta e fiori. Pesca sciroppata, pera e albicocca. Noce moscata, foglie di ortica, erbe aromatiche, cedro, rose bianche, sfumature minerali, mollica di pane, pepe bianco, ginestra, note di alloro.
Al palato la carbonica è un po’ grossolana ma segue abbastanza bene il passo di bocca senza abbandoni anticipati. Freschezza acida quasi dissetante. Intensità e persistenza e un bel finale fruttato e di erbe aromatiche.
Un vino molto interessante, mi auguro che l’azienda approfondisca questo vitigno perché potrebbe trarne un successo inaspettato soprattutto con qualche accorgimento in più durante le fase di lavorazione.

Igt Lambrusco Frizzante dell’Emilia Rosato “Fino a Sera” 2010
Un bel rosa cerasuolo.
Buono il perlage.
Il naso inizialmente timido mette in mostra sentori di frutta rossa uniti a sfumature floreali di rose e iris. Poi lentamente si apre su delicati ricordi di gelsi, melagrana, fragole di bosco ed erbe aromatiche.
Al palato conserva un accento ancora vinoso. Ritmato da freschezza e leggera sapidità. Carbonica non incisiva ma cremosa e gradevole. Finale di erbe aromatiche. Buon vino.

Notte di Dante 2008
Da uve passite di Lambrusco e Malbo gentile.
Un naso ricco di piccoli dettagli fanno la ricchezza del suo bouquet. Intensità e persistenza. Mescola sensazioni di frutta passita e sottospirito con tonalità speziate e floreali. È originale il contrappunto fresco, delicatamente erbaceo, su sfumature calde di cacao e spezie.
Al palato né dolce né secco, una piacevole via di mezzo dove l’amabile morbidezza è ritmata da giusta freschezza contenuta da piacevole tannino. Un vino adatto ad abbinamenti con formaggi e dolci a base cacao che affascina per il modo originale che ha di trasportarti direttamente sul territorio.

0
0 likes