Mondo food

Il prosciutto DOP da suino italiano a rischio estinzione

12/06/2011

C’è qualche buongustaio in tutto il mondo che rinuncerebbe per sempre all’eccellenza del prosciutto crudo DOP italiano?
Certamente no, eppure la sopravvivenza di questo straordinario e unico prodotto è oggi messa a rischio da importazioni di decine di milioni di cosce di suino, fresche o surgelate, che entrano legalmente nel nostro Paese ma non si sa bene dove vadano a finire.
Di sicuro si trasformano in prodotto a basso prezzo e certamente non della stessa qualità delle nostre DOP, che inquina il mercato con una concorrenza non leale e mette in crisi l’esistenza degli allevamenti nazionali.
Per questi ultimi più di qualcuno oggi parla di “rottamazione”.

“Io non voglio rinunciare alla nostra qualità e al nostro sapore eccellente e senza confronti, così come non lo vogliono fare milioni di consumatori in tutti i continenti – ha affermato oggi l’Assessore all’Agricoltura del Veneto Franco Manzato, tenendo in braccio un suinetto italiano e per questo VIP Very Important Pig – e sono certo che se i consumatori fossero correttamente informati non rinuncerebbero neppure loro. Il fatto è che bisogna dare sostanza alla legge sull’etichettatura, non solo indicando origine e provenienza della materia prima ma anche indicando tutta la filiera dell’export, con la destinazione finale di ciò che entra nei nostri confini perché non venga italianizzato lungo il percorso”.

Manzato ha ribadito la sua richiesta nel corso di una conferenza stampa organizzata in una azienda specializzata, quella di Gianni Zonato di Montagnana, capitale storica del prosciutto crudo DOP Veneto Berico – Euganeo, uno dei capisaldi della preziosa e rinomata suinicoltura nazionale a denominazione. Al suo fianco c’erano allevatori di Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, regioni che sono il cuore pulsante dell’allevamento suinicolo nazionale, il presidente del Consiglio Regionale del Veneto Clodovaldo Ruffato, il Sindaco Sandra Borghesan, e i protagonisti di questa vicenda, i suinetti a rischio di futuro.
Ppp

Il flusso di cosce dall’estero, principalmente Germania, Olanda e Belgio, nel solo 2010 è stato pari a circa 45 milioni di pezzi – insiste Manzato – rispetto ad una produzione nazionale che nello stesso anno non arriva a 10 milioni di capi, il 9 per cento dei quali prodotti in Veneto. È un dato che evidenzia la dipendenza della nostra industria di trasformazione da materia prima che proviene da fuori confine e che troppo spesso viene italianizzata. In Veneto gli arrivi si concentrano nelle province di Treviso, Padova e Verona, le stesse che guidano la classifica in termini di allevamenti e trasformatori”.

Per diventare prelibatezza, il suino italiano viene macellato a 160 kg, con un costo di allevamento ben superiore (circa il 20%) a quello estero leggero.
Il fatto è che il suino magro non dà prodotti di gran qualità, perché non è addolcito dalla marezzatura, è più salato, stopposo e coriaceo.
Bisogna dunque spiegare ai consumatori che il prosciutto crudo magro buono non esiste e che sotto ogni punto di vista quello DOP è migliore. Gli ha fatto eco Clodovaldo Ruffato ricordando che le produzioni non DOP utilizzano carne estera, anche se spesso sono marchiate IGP, in quanto la normativa comunitaria consente in questi casi che solo una delle fasi produttive sia realizzata all’interno di una determinata area geografica: in questi casi è sufficiente la lavorazione. Anche per questo motivo l’approvazione della legge che ha imposto l’indicazione obbligatoria in etichetta è un’importante opportunità per i consumatori e gli agricoltori.
“Manca ancora un tassello – ha ripetuto Manzato – affinché tutto il processo di rintracciabilità sia trasparente. Dopo aver conosciuto la provenienza sarebbe il caso di capire anche la destinazione. Solo così il consumatore sarà in grado di fare una spesa consapevole”.

immagine del Consorzio Prosciutto di Parma | www.prosciuttodiparma.com

0
0 likes