Blog / Mondo vino

La sorpresa di un Verdicchio unico

09/05/2016

Ogni volta che vado nelle Marche, è sempre un piacere costatare le potenzialità del Verdicchio.
Un vino bianco che continua ad avere tutte le caratteristiche di un “grande vino” come spesso accade per i vini rossi.
È davvero un peccato che molti si siano dimenticati di bere questo storico prodotto della terra marchigiana.

Chiedete un Verdicchio quando andate al bar, al ristorante, in enoteca e pretendete che sia buono. Non bevete vini di bassa qualità, quelli destinati ai turisti o agli spilorci della tavola. Pretendete un Verdicchio di quelli buoni, di quelli che spesso bevono i marchigiani. Cercate di avvicinarvi al territorio di questo vino che nulla ha da invidiare ad altri blasonati vini bianchi e che sempre vince medaglie ai concorsi internazionali.

Non ultima, sorpresa di ieri, l’incontro e la piacevole serata trascorsa con Roberto Orciani, di “Non solo Tappo”, marchigiano DOCG e grande esperto di vini con cui il dialogo sul mondo del vino è sempre non privo di riflessioni e che non ha perso tempo a riconfermarmi l’unicità del Verdicchio con una bottiglia di Bisci Senex 2009 un Verdicchio di Matelica, ancora giovane nonostante l’età, dove l’espressione al naso misurata e il gioco sottile tra sapidità e acidità al palato lo rendono un vino forse non adatto a tutti ma più vicino a chi il Verdicchio lo ama al di là di tutto. Un vino “più seta che lana” tanto per rubare un’espressione scontata ma che rende bene l’idea a chi beve le solite cose.
Un vino che dialoga solo con chi lo sa ascoltare al di là dei canoni, delle ingerenze guidaiole, dalle sciocche mode di mercato e dalla follia dei distributori che spremono produttori e consumatori ficcandoli in un imbuto comune chiamato ignoranza per semplificare le cose.

Forse, il modo migliore, per comprendere l’amore per questa terra da parte dei suoi appassionati bevitori è quella di leggere l’idea libera dello stesso Roberto che così descrive, invece, il Bisci Senex 2003:
Quel “Senex 2003” di “Bisci” dimenticato in cantina

0
0 likes