Roero Arneis degustaizone

Gli stappati® / Mondo vino / piemonte

Roero Arneis, un anno dopo

07/07/2017

Vi ricordate gli assaggi dell’anno scorso?
Ho ripetuto, a distanza di un anno, gli assaggi delle bottiglie delle aziende del Consorzio di Tutela del Roero. Volevo capire nel dettaglio l’evoluzione di questo vino.
Un’esperienza interessante che mi ha confermato quello che ho sempre pensato: il Roero Arneis, va bevuto un anno dopo o perlomeno sarebbe preferibile.
Purtroppo sono i mercati a non capirlo o meglio, quei consumatori che pretendono di bere qualsiasi vino bianco sempre in annata rischiando così di bere vini “crudi” e avari di piacevolezza.
Di seguito gli assaggi: “com’era” quando l’ho assaggiato un anno fa e “com’è oggi”, un piccolo confronto interessante che aiuta a comprendere meglio le potenzialità di questo vino.


Antonio Gallino
Roero Arneis Monpissan 2015

Com’era
Un tratto verde tra sentori di frutta bianca e ricami floreali di rose, gelsomino e fiori di limone. Buccia di cedro, foglie di ortica ed erbe aromatiche. Il naso pulito, la bocca fresca, piacevole nel ritmo acido. Sapidità e sale. Chiusura dall’accento ammandorlato.
86
Com’è oggi.
Erbe aromatiche, fiori di campo su un frutto giallo con una sfumatura che ricorda l’argilla.
Il palato è piacevolissimo. Freschezza acida misurata e sapidità, assieme a una nota morbida di caramella mou in perfetto equilibrio. Chiusura di mandorle. Il frutto giallo, la bocca larga e persistente.
90


Tenuta Fratelli Povero
Roero Arneis Terre del conte in Canale d’Alba 2015

Com’era
Il profilo fruttato con sfumature di erbe aromatiche. Pera, mela, pesca sciroppata, ananas fresco tra i primi sentori percepiti. Bocca fresca, volume e sale un po’ amarognolo sul finale.
83
Com’è oggi
Riconferma il frutto ancora fresco, oggi si arricchisce di qualche complessità in più. Un tocco tropicale e rose bianche sul finale con sfumature di erba limoncella e basilico in chiusura. Bocca migliorata. Ora è precisa, fine, avvolgente, dinamica, complessa e dal frutto succoso.
88


Azienda Agricola Costa Catterina
Roero Arneis Arsivel 2015

Com’era
Note di frutta bianca e un tocco tropicale tra note verdi di erbe aromatiche, foglie di ortica e alloro. Ricami di fiori di campo, rose e magnolia. Note di agrumi e di pietra di fiume bagnata. Palato piacevole nel ritmo acido. Sapidità. Leggero volume nel centro bocca. Piacevolissimo, immediato nell’espressione.
88
Com’è oggi
Al naso ha mantenuto una freschezza nel frutto piacevolissima. Il vino si è arricchito di sottile complessità che lo rende ancora più interessante. Più armonia e completezza nell’espressione. Sfumature verdi e tropicali. La bocca meno pronunciata sulla parte acida ma distesa sulla parte sapida.
90



Marco Porello
Roero Arneis Camestrì 2015

Com’era
Il naso raffinato ed elegante. Frutta matura con sfumature di scorza di arancio e cedro affumicata. Lieviti, fiori di limone e ginestra. Un accento minerale e un tratto di rosa passita e d’idrocarburi. Bocca sapida quasi salata in chiusura.
82
Com’è oggi
Al naso conferma l’eleganza. Profilo fruttato. Si è arricchito di originali note di caffè, noce moscata, lievito e zafferano. Un guizzo di scorza di limone e chiusura di erbe aromatiche. Il palato avvolgente, il frutto maturo con un finale di cannella. Il finale appena salato a regalare un piacevole allungo.
84


Francesco Rosso
Roero Arneis Ca’d Dreja 2015

Com’era
Note citrine, erba tagliata e frutta bianca dove spicca melone e pera. Bocca fresca, leggera dinamica. Palato semplice ma espressivo. Un vino essenziale.
80
Com’è oggi
Riconferma la sua essenzialità con qualche sfumatura in più.
Ora esprime sentori floreali che ricordano gelsomino e rose bianche con un accento verde di timo ed eucalipto a donare un senso di freschezza al naso. Spicca una nota di alghe. È rimasto anche un gradevole cipiglio citrino. La bocca di piacevole freschezza e slancio acido. Chiude bene e in modo piacevole.
83


Azenda Agricola Bruno Franco
Roero Arneis 2015

Com’era
Frutto sottile, leggero. Piacevoli ricordi di pesca, albicocca e ananas fresca. Sfumature verdi che ricordano le mandorle amare. Mineralità in sottofondo a evidenziare un floreale di ginestra e acacia.
Bocca fresca, piacevole il ritmo. Allungo sapido. Chiusura dall’accento floreale.
83
Com’è oggi
Il frutto giallo meglio delineato con sfumature di litchi e rose che regalano un tratto morbido ed esotico. Fiori di campo, ginestra ed erbe aromatiche. Bocca fresca. Chiusura amarognola. Un po’ severo ed essenziale lo stile. Riconferma la sua qualità anche un anno dopo con nuove sfumature e sensazioni al palato e al naso.
83


Marco Novo
Roero Arneis 2015

Com’era
Al naso apre con sentori di frutta matura. Un tocco tropicale. Un piacevole tratto rustico, chiude con ricami floreali di ginestra e acacia. Bocca di piacevole pienezza. Sapidità.
79
Com’è oggi
Riconferma il suo tratto rustico e la sapidità al palato. Migliorato grazie a piacevoli complessità maturate.
81


Cornarea
Roero Arneis 2015

Com’era
Il frutto intenso, un tocco tropicale con ritorni verdi di erbe aromatiche ed erba falciata. Sensazioni di sale grezzo. Ricordi di pera, mela, mela cotogna, prugne selvatiche melone bianco e ananas. Intensità persistenza e pulizia. Bocca sapida, il frutto succoso. Un accento minerale quasi pietroso sul finale.
85
Com’è oggi
Qualche piccolo cedimento sul frutto ora meno concentrato a vantaggio di sottile complessità speziata. Il ritmo al palato più disteso e concentrato. Riconferma il suo valore con qualche riflessione in più.
85


Filippo Gallino
Roero Arneis 2015

Com’era
Immediato il naso. Piacevole il frutto fresco, leggero, immediato, giocoso con ricami floreali e sfumature di basilico e mentuccia. Al palato la freschezza acida di agrumi rende piacevole il passo di bocca.
83
Com’è oggi
L’espressione schietta ma gentile raccoglie qualche particolare in più rispetto un anno fa. La parte verde ridimensionata, il frutto sempre fresco ma con note morbide e accoglienti rispetto a com’era prima, aiutato da un floreale ora ben delineato. Al palato ha smussato gli angoli in cambio di sapidità e persistenza. Riconferma la sua bontà con qualche piccola complessità in più.
84


Fabrizio Battaglino
Roero Arneis Ballargin 2015

Com’era
Il frutto maturo, un tratto verde e ricami floreali di acacia e ginestra. Bocca di corpo, sapidità e freschezza misurata. Chiude con ricordi minerali dall’accento pietroso.
84
Com’è oggi
Il naso ricco con piacevoli tratti floreali e note verdi di erbe aromatiche. Al palato sapidità e piacevole freschezza.
87


Taliano Michele
Roero Arneis 2015 “Sernì”

Com’era
Il profilo minerale, un frutto bianco e sfumature appena balsamiche che chiudono tra note di foglie di ortica e alloro. Il naso è ordinato, pulito. La bocca sapida prima di tutto. La freschezza ritma il palato piacevolmente. Delicata la chiusura.
85
Com’è oggi
Il naso pepato. Il frutto evidenzia maggiormente un tratto tropicale. Sfumature di melone bianco, alloro ed erbe aromatiche.
Una traccia citrina e di zafferano con nuance che ricordano il gesso. Palato fresco e sapidità ad allungare il passo di bocca.
88


Gianpaolo Viglione
Roero Arneis Bric Varomaldo Generaj 2015

Com’era
L’attacco al naso ricorda il fieno tagliato, note citrine e sale grezzo e argilla, poi si distende su note di frutta bianca. Sfumature di basilico greco sul finale. Il palato dissetante, vena salina quasi salata. Un sale quasi amaro sul finale che contribuisce a evidenziare piacevoli ruvidità.
84
Com’è oggi
Guadagna al naso che ora è più completo nell’espressione con sfumature di levito e crosta di pane mentre la bocca cede qualche asperità. Chiusura di mandorle amare. Un vino cui servirebbe altro tempo per esprimersi ancora meglio.
86


Cantina MO
Roero Arneis 2015

Com’era
Al naso subito note di macchia mediterranea, di frutta gialla e foglie di ortica. Un ricordo di vaniglia in sottofondo. Chiude tra ricordi di sambuco e nocciola. Piacevole freschezza acida al palato e una vena salina. Chiusura amarognola.
83
Com’è oggi
Il naso bilancia note di frutta gialla e fiori che ricordano la ginestra e l’acacia con sfumature di sambuco. Note di macchia mediterranea. Fiori di campo e foglie di ortica.
La bocca coinvolge per freschezza e sapidità. Succoso il frutto. Leggerissimo accento salato
88


Matteo Correggia
Roero Arneis 2015

Com’era
Le note del frutto appena mature. Una trama minerale. Mescola note di erba medica e fiori gialli. Un leggerissimo pepato sul finale e note di pompelmo. Piacevole l’insieme frutto e note verdi che variano dai capperi all’alloro, dall’erba falciata a note leggere di macchia mediterranea e una vaporosa menta in chiusura. Bocca fresca appena limonosa in chiusura. Sapidità.
85
Com’è oggi
Al naso sentori di erbe aromatiche, fiori di campo, foglie di ortica con sfumature di gesso. Il frutto giallo meno evidente rispetto a un anno fa ma arricchito di una trama floreale che dona complessità a tutto il bouquet. Il palato disteso, trama sapida. Ottima anche la chiusura.
88


Valdinera
Roero Arneis 2015

Com’era
Intensità, persistenza e pulizia al naso. Floreale, il frutto bianco con sottili note di foglie di menta e basilico greco. Il tratto al palato è deciso. Freschezza acida scalpitante. Chiusura sapida.
83
Com’è oggi
Il frutto fresco con sfumature di rose, gelsomino e un finale verde che ricorda l’alloro e le erbe aromatiche. Il palato goloso e il frutto succoso. Piacevolissimo. Equilibrato e slanciato.
90


Careglio
Roero Arneis 2015

Com’era
Il naso immediato facile nell’espressione. Freschezza al palato piacevole, leggero volume di bocca e amarognolo finale.
79
Com’è oggi
Il naso oggi esprime un bel frutto che si divide tra sensazioni ancora fresche e mature. Ricordi di pesca gialla sciroppata e sfumature di foglie di fico, e ortica. Fiori di campo e tarassaco. Il palato succoso, di piacevole freschezza acida. Succoso il frutto e allungo sapido.
85


Deltetto
Roero Arneis Daivej 2015

Com’era
un frutto raffinato con note morbide mature e un tocco fresco dato dai ritorni di erbe aromatiche, cerfoglio e mentuccia. Pesca, melone bianco, pera, ananas fresco e albicocca sono solo alcuni tra i sentori riconoscibili. Ricami floreali e sentori di macchia mediterranea. Bocca di piacevole freschezza acida. Sapidità e agrumi sul finale a chiudere un palato succoso.
85
Com’è oggi
Note di cedro e foglie di limone. Sfumature di crema pasticcera e foglie di alloro e ortica.
Il frutto sempre elegante ora gode di maggiore dettaglio e precisione. Pesca gialla e albicocca sono tra i primi aromi che si riconoscono. La chiusura delicata di erbe aromatiche con meno note balsamiche e più sensazioni calde. Al palato la freschezza è più armonica e sempre slanciata e ben si lega alla parte sapida che ora consente un allungo maggiore.
89


Roero Arneis San Michele 2015
Com’era
Il naso pulitissimo e preciso. Intensità e persistenza. Leggeri sentori di pera e cannella, vaniglia, pesca, melone e prugne gialle. Fiori di campo e chiusura appena balsamica.
Bocca golosa, piacevole, il ritmo acido e sapidità. Chiude con un frutto salato e leggere spezie.
90
Com’è oggi
Il naso fine, di maggiore complessità. Il frutto gioca sulle retrovie e lascia spazio a note di zafferano, lievito, e crosta di pane con note verdi di foglie di limone e un finale che ricorda la noce moscata.
Delicato lo slancio acido al palato, decisamente sapido con chiusura appena salata.
Ha perso nell’impatto ma ha guadagnato nella complessità e armonia generale.
Una chiave di lettura diversa che riconferma lo stesso punteggio e qualità mantenuta nel tempo.
90


Monchero Carbone
Roero Arneis Recit 2015

Com’era
Il naso pulito, preciso. Note di agrumi che ricordano il pompelmo e il cedro con sfumature di foglie di limone e timo. Ricami floreali di gelsomino e magnolia. Palato fresco, piacevole nella beva con una bella chiusura sapida.
85
Com’è oggi
Note di frutta gialla matura, fiori di acacia e biancospino. Un guizzo citrino a ricordare le foglie di limone. Al palato la freschezza è molto misurata e lascia spazio a note saline. Chiusura un po’ sofferta ma ottimo il retrogusto di mandorle e pesca. Riconferma la sua qualità.
85


Destefanis
Roero Arneis 2105

Com’era
Immediato il naso con sentori di erbe aromatiche e frutta bianca. Note di fiori sul finale. Al è palato immediato, intenso, freschezza dinamica e sale in chiusura.
82
Com’è oggi
Il tratto floreale ha dei toni gialli con una lieve sfumatura di miele. Il frutto più ampio e maturo. Il palato delicato con un finale gessoso.
85


E dopo tre anni?
Con qualche bottiglia di 2014 che mi era rimasta, ho ripetuto gli assaggi sempre a distanza di un anno. Se ero certo che il vino Arneis migliora dopo un anno, dopo tre, magari, potevano cominciare i dubbi.
Purtroppo non ho potuto fare “l’esame dei tre anni” su tutte le aziende qui elencate per mancanza delle bottiglie ma, diciamo, che non avrei il timore di bere al ristorante una bottiglia di Arneis che in etichetta riporta un millesimo di tre anni precedenti.

Negro Lorenzo
Roero Arneis 2014

Com’era
Il frutto maturo preciso e ben delineato con sfumature di vaniglia e di frutta tropicale. Accenni di erbe aromatiche e sottile sensazione minerale dall’accento roccioso.
Bocca di corpo, elegante, freschezza misurata e sapidità. Chiude tra ricordi di frutta matura e fiori gialli.
90
Com’è oggi
Il frutto ancora piacevole assume, ora, sfumature intriganti. Un floreale giallo di maggior risalto. Le note verdi di erbe aromatiche hanno un sottile guizzo citrino di foglie di limone. La bocca concentrata, avvolgente, ancora succosa nel frutto e dal piacevole allungo sapido. Non solo riconferma la sua qualità ma migliora dopo tre anni.
91


Cantina Tibaldi
Roero Arneis Monic 2014

Com’era
Frutta matura con note di vaniglia, mandorle salate e caramella mou. Delicate e fresche note verdi in sottofondo a ricordare una macchia mediterranea con sottili sfumature balsamiche. Bocca salata ritmata da gradevole freschezza acida. Sensazione tannica sul finale.
85
Com’è oggi
Sentori di frutta matura con un accento tropicale. Note floreali morbide che ricordano il girasole, camomilla, acacia con un finale di erbe aromatiche. Il palato di delicata freschezza acida con un finale di agrumi e chiusura di frutta gialla.
85


Negro
Roero Arneis Perdaudin 2014

Com’era
giallo oro con riflessi verdi. Il naso pulito, intenso e persistente e coinvolgente. Un riflesso aromatico si mescola a ricordi di frutta matura fresca di pesca gialla, albicocca, sambuco, fiori di cappero e rose. Note verdi di foglie di fico e capperi sotto sale. Un finale diviso tra sale e frutta tropicale.
90
Com’è oggi
Oggi è sicuramente piacevole e mantiene la sua eleganza. Più riflessivo e un ritmo diverso al palato. La bocca si compone di una delicatezza sapida piacevolissima. Dopo tre anni riconferma la sua qualità con qualche particolare in meno.
87

1
1 likes